Lettori fissi

domenica 2 gennaio 2011

Punto reale

 Si tratta di un punto passato piatto, cioè senza imbottitura. Per eseguirlo è necessaria una tela a trama regolare (cioè i fili della trama e dell'ordito devono essere uguali). 
Si lavora sul dritto della tela. 
I punti non devono mai sormontarsi, devono essere accostati senza sovrapporsi gli uni agli altri- ogni filo un punto.
E' più semplice di quanto possa sembrare, guardate le immagini
Si eseguono 3 punti su 3 trame.
Guardate bene il movimento dell'ago, 

realizza il punto ed è subito pronto per quello successivo.
Il filo che si vede libero è quello d'inizio che poi verrà nascosto 

dentro il ricamo.

Ora si eseguono 3 punti ma su 6 trame



Si prosegue aumentano l'altezza sempre di 3 trame e 
mantenendo costante il numero dei punti
3 punti su 3  trame - 

 punti su 6 trame 
 3 punti su 9 trame 
3 punti su 12 trame ......
fino ad avere 7 gradini

Poi si diminuisce nel senso opposto di come erano stati fatti gli aumenti 
(cioè si calano 3 trame ogni 3 punti reale)
Questo è il risultato finale
In questo caso è stato eseguito un disegno semplice, ma questa tecnica ci permette di realizzare un'infinità di lavori (ci sono bellissime figure geometriche, fiori ....). 
Spero di essere stata chiara altrimenti non esitate a contattarmi. ciao ciao

9 commenti:

  1. Ciao Paola,
    vorrei farti i miei complimenti per i bellissimi lavori a punto antico. Io adoro questo tipo di ricamo e mi sto sforzando per impararlo (da autodidatta). Ti scrivo per un consiglio: sul 6 libro del punto antico consigliano di non usare il telaio per il punto reale, io ho fatto alcuni ricami ad hardanger dove si usa molto il punto reale e il punto piatto e dove è consigliato l'uso del telaio per cui mi sono abituata ad usarlo. Pensi che sia meglio non usarlo? e per le sfilature?
    ancora tanti complimenti (anche per le ricette....)
    Tania

    RispondiElimina
  2. Nel punto reale non uso il telaio perchè il ricamo risulta più gonfio quindi ha un effetto di maggior rilievo e per i miei gusti è più bello; quanto alle sfilature dipende dal tipo di sfilatura ma ti confesso che se posso farne a meno non lo uso (per me è un vero impiccio). Se hai bisogno di qualcosa chiedi pure e se hai un blog vengo a farti visita.
    Ps ti consiglio, se ancora non lo hai fatto, di ricamare qualcosa a punto Caterina de Medici: è di bell'effetto e soprattutto il lavoro vooooooollllllaaaaa.
    Ciao.

    RispondiElimina
  3. Olá Paola!

    Obrigado pelas explicações,estão perfeitas
    e fica muito bonito.
    Bacio Quinha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere di risentirti, e grazie della visita. Un saluto Paola

      Elimina
  4. Complimenti per le sue bellissime opere...un vero capolavoro di precisione e di eleganza.
    personalmente mi sono avvicinata da poco a questo ricamo che amo tanto ma sul quale ho ancora tanti dubbi...
    Gentilmente vorrei farle una domanda.. vorrei fare un motivo a punto reale sul libro leggo"1 quadretto=2x2fili del tessuto" cosa significa? devo usare sempre la tecnica che ha descritto lei di 3 trame ogni 3 punti?
    La ringrazio se gentilmente volesse rispondere.

    RispondiElimina
  5. Grazie per i complimenti e per la visita.
    Quanto alla sua domanda, se vedessi lo schema sarei di maggiore aiuto, intanto le dico che per realizzare un quadretto deve ricamare n. 2 punti reale su 2 trame di tessuto.
    Buon lavoro e sa ha bisogno chieda pure.
    Saluti Paola

    RispondiElimina
  6. Ciao! Passo qui per la prima volta. Complimenti per i lavori e per le spiegazioni.
    Io non ho mai fatto il punto reale, ma vorrei provare a fare dei fiori semplici. Posso chiederti con che filato lavori? Grazie e buon lavoro :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao, posso chiederti la differenza tra punto reale e pto festone? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto reale è quello descritto in questo post, quanto al punto festone è stato utilizzato per ricamare le colonnine che formano i quattro lati del quadrato che vedi nel punto d'incontro del gigliuccio. Ciao Paola

      Elimina

Chi non ha un account google o un blog può lasciare un commento cliccando su "commenta come" Anonimo e lasciando poi il proprio nome.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...